Passa ai contenuti principali

LA RICETTA PIU' CLICCATA

BABA' AL RUM

Che buono ....."stu babà" Una delle meraviglie della pasticceria napoletana!! Ecco il Babà, gli ingredienti da utilizzare li troviamo già disponibili, quasi tutti, nella nostra dispensa.  
Il procedimento è un po' lungo ma non eccessivamente elaborato, visto che si tratta di un impasto lievitato e bagnato con il Rum
Una volta tolto dal forno, l'impasto viene bagnato e la sua colorazione, più o meno giallastra, raggiunge una tonalità calda ambrata e allo stesso tempo un profumo inebriante si diffonde in cucina. 
Difficile resistere alla tentazione e aspettare che si raffreddi.
È fondamentale usare la farina giusta per l'impasto e il vero Rum per la bagna. 
Ci sono in commercio dei prodotti già pronti, utilizzabili se non abbiamo a disposizione il Rum. 
Anni fa, almeno dieci, trovai questa ricetta su un quotidiano e decisi di realizzarla, visto che le precedenti che avevo provato non mi avevano soddisfatto. Devo dire che questa versione mi ha convinta ed eccovela qui.




























CORONCINE CON UVA E PRUGNE

Pasta frolla .. crema ..  uva .. prugne

In casa mia c'è sempre qualcuno alla ricerca di qualcosa di buono, per questo appena posso preparo semplici dolcetti come questi. 
Ma può anche capitare di avere degli avanzi di pasta frolla o di crema ed il lavoro è già tutto fatto basta metterli insieme.
Alcune volte i dolcetti che vengono fuori combinando gli avanzi sono delle belle creazioni e anche squisitezze graditissime.

Un'idea carina per offrire pasticcini a casa o anche per un regalo. Piccole paste frolle riempite con crema pasticcera e decorate con  prugne secche Monte Ré  e uva brinata.


Vi invito a provare questa ricetta, e magari a farmi sapere cosa ne pensate; se vi fa piacere scrivermi delle modifiche che vi piacerebbe apportare o mandare una vostra interpretazione con ricetta e foto sarò felice di pubblicarla.





Ingredienti:

  • coroncine "frollose"

350 g di farina
140 g di zucchero
140 g burro
2 albumi + 1 uovo intero
un pizzico di sale
1 bustina di vanillina
1 cucchiaino di bicarbonato
prugne secche Monte Ré 
4 cucchiai di gocce di cioccolato fondente

  • crema alla vaniglia con latte di soia
250 g di latte di soia
75 g di zucchero
4 tuorli
20 g di amido di mais
 vaniglia

  • per la decorazione
500 g di uva
zucchero semolato

Iniziare a preparare l'impasto per le coroncine:
mettere nella ciotola lo zucchero, il burro tenuto a temperatura ambiente e tagliato a pezzetti, le uova e un pizzico di sale,  aggiungere poi la farina mischiata al bicarbonato e alla vanillina,  e infine le prugne secche Monte Ré  spezzettate, lavorare fino a formare un impasto morbido e liscio, aggiungere  le gocce di cioccolato usando pochissima farina solo per staccare la pasta dalle mani.
Con l'impasto ottenuto ricavare una palla, schiacciarla, avvolgerla nella pellicola e tenerla in frigo almeno mezz’ora.

Mentre l'impasto per le coroncine riposa in frigo, preparare la crema pasticcera: 
iniziare  mettendo su fuoco medio, il latte e portarlo a sfiorare il bollore.
Intanto separare gli albumi dai tuorli: conservare gli albumi che potranno essere utilizzati per altre ricette ad esempio io faccio spesso l'Angel Cake , invece lavorare i tuorli  con lo zucchero in una casseruola , usando la frusta per renderli belli spumosi. 
Aggiungere a poco a poco l'amido senza smettere di mescolare finché il composto risulta amalgamato. 
Versare poco per volta, e sempre girando, il latte bollente aromatizzato con  la vaniglia . 

Mettere sul fuoco, continuare a mescolare, fare sobbollire per 3-4 minuti.


Versare la crema in una terrina e lasciarla raffreddare girandola di tanto in tanto, perché non si formi la pellicola sulla superficie.


Trascorso il tempo necessario, togliere l'impasto dal frigo, infarinare la spianatoia e il mattarello e iniziare a stendere l'impasto e con le formine dei biscotti tagliare tanti cerchi di diametro circa 8/9 cm.
Imburrare la teglia per i muffin e sistemare in ogni formina uno dei cerchi di pasta tagliati.
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti.

Preparare le prugne e l'uva mentre le coroncine si raffreddano: le prugne se non hanno il nocciolo basta solo tagliarle a metà, altrimenti snocciolarle, l'uva va lavata e leggermente asciugata per poi passarla nello zucchero e avere l'effetto brinato.


Quando le coroncine si saranno raffreddate riempirle con la crema pasticcera preparata e decorare con le  prugne secche Monte Ré  e gli acini di uva brinati.




Commenti

Post popolari in questo blog

MELANZANE E ZUCCHINE IN PADELLA

Un contorno veloce saporito e soprattutto non fritto, con fresche verdure di stagione.

Ingredienti:
2 melanzane
2 zucchine
3 pomodori con la pelle in barattolo
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
aglio 
origano
sale q.b.
In una padella della grandezza adeguata tagliare a cubetti le melanzane e le zucchine, aggiungere lo spicchio d'aglio e l'olio.

Coprire e mettere su fuoco medio, lasciare cuocere e girare ogni tanto, in circa 20 minuti le verdure saranno  cotte e rosolate, su un lato aggiungere i pomodori e lasciarli cuocere pochi minuti poi mischiare il tutto, aggiungere sale e origano, fare insaporire e spegnere.

Servire caldi o freddi, l'importante e non mettere più col coperchio.

CROSTATA AL LIMONE

Un dolce con i limoniUna crostataArrivata la primavera tutto rifiorisce e il giardino deve riprendersi dall'inverno appena finito, ha bisogno  di tanta cura, quindi in questi giorni ci siamo dedicati alla potatura delle piante, soprattutto agrumi.
Quest'anno un albero di limoni che negli anni scorsi pensavamo non ci regalasse più frutti, ci ha dimostrato di essere capace di tanta generosità. Non li ho contati ma ne ha tantissimi. 
Dovendola potare abbiamo cercato di rispettare al massimo i rami che sono davvero carichi di questi frutti meravigliosi, succosi e profumatissimi. Qualcuno purtroppo l'abbiamo sacrificato e oltre a regalarli a una carissima persona che ci sta aiutando tantissimo ho pensato di farci una torta
Sfogliando uno dei  vecchi quaderni dove appunto da anni ricette che ho provato e mi sono piaciute ho ritrovato questa.
Se anche voi avete limoni che vi avanzano o semplicemente per il gusto di fare  una deliziosa torta al limone ve la trascrivo.
Sarei felice di…

FIORI DI ZUCCA IN PADELLA

Fiori di zucca: colorati, gustosi e profumati. Una delle ricette preferite della  mia mamma con i fiori di zucca. Un sapore che non ci si aspetterebbe da un semplice fiore, che davvero ci conquista! 

CAROTE IN PADELLA CON ALLORO

Un profumato contorno con le carote Spesso con la scusa non c'è tempo ripieghiamo su un contorno veloce come un'insalata, ma non pensiamo che anche con la fretta che ci accompagna costantemente possiamo mangiare dei gustosissimi piatti, salutari e senza impazzire vicino ai fornelli. Per cucinare queste carote, vi assicuro deliziose, basta dedicarci pochissimo tempo, quello necessario per metterle in padella e poi possiamo continuare a fare altro o cucinare un primo veloce e senza accorgercene sono già pronte. E .... non dimentichiamo che la carota è ricca di vitamina A (Betacarotene), B, C, PP, D e E, nonché di sali minerali e zuccheri semplici come il glucosio. Per questo motivo il suo consumo favorisce un aumento delle difese dell'organismo contro le malattie infettive


DOLCE NEL BICCHIERE

Un delicatissimo dolce al cucchiaioDolce monoporzione, facile da preparare, si presenta benissimo
Un dessert morbido, cremoso, con delicato gusto di fragola e vaniglia.
Un dolce facile e veloce da preparare, ma anche molto bello da vedere, utile come monoporzione soprattutto in occasione di cene e rinfreschi.


Il dolce al cucchiaio più noto e apprezzato lo conosciamo tutti  è il tiramisù, ne ho realizzato, tempo fa, una mia versione nel bicchiere; una versione che è piaciuta davvero tanto, infatti è stata scelta come worldrecipes per l'EXPO 2015

Questa che vi propongo oggi, è una nuova interpretazione che sostituisce i savoiardi con il pan di spagna, il caffè con lo sciroppo di vaniglia  e fragola; ho scelto inoltre di utilizzare due creme, una al mascarpone e l'altra pasticcera.
Il risultato è stato un dessert che ha conquistato proprio tutti, infatti hanno chiesto se si poteva ripetere l'esperimento al più presto.
Come sempre,  vi suggerisco di realizzare  la ricetta , e mi f…