Passa ai contenuti principali

LA RICETTA PIU' CLICCATA

TORTA DI COMPLEANNO AL CIOCCOLATO

Torta al cioccolato con crema bianca Un compleanno speciale, una torta speciale
Ecco l'ultima torta che abbiamo realizzato io e mia figlia, una validissima collaboratrice, per il 18° compleanno del giovanotto della famiglia, il mio secondo figlio.

Una torta che ci ha rese orgogliose, perché abbiamo ricevuto davvero tantissimi complimenti. 
Non solo bella ma anche molto buona. 

Irresistibile base al cioccolato farcita con la nutella e una gustosissima crema bianca al mascarpone.

Tutti l'hanno gradita, gli amanti del cioccolato come me ancora ne sentono il sapore e il profumo.
Posso dirvi che la festa è riuscita benissimo, la torta ha chiuso in maniera davvero speciale la serata.
Ora vi propongo le foto, sperando che piacerà anche a voi che mi seguite e se vorrete realizzarla sarò davvero felice di darvi dei consigli.


Come sempre,  vi suggerisco di realizzare  la ricetta , e mi farà immenso piacere rispondere ai vostri commenti e alle vostre domande.
Per chi si cimenterà. sarei felic…

PACCHERI CON JULIENNE DI ZUCCHINE E CUBETTI DI SCORFANO

L'incontro tra  scorfano e  zucchine

Spesso bastano pochi ingredienti per creare un piatto che può lasciare i nostri ospiti a bocca aperta!

I paccheri sono un formato di pasta che si presta ad essere condito come più ci piace, dal semplice sugo di  pomodoro fresco ai più ricercati e prelibati sughi.

La mia versione è molto semplice da realizzare ma soprattutto gli ingredienti li troviamo facilmente sotto casa o forse già li abbiamo in frigo

Con questa ricetta partecipo al food contest


DIETA MEDITERRANEA? SI’, GRAZIE!”


L’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli e l’Associazione Italiana Food Blogger promuovono il progetto “Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II e Food Blogger: insieme per la salute. La ricetta giusta per il tuo benessere” nell’ambito del quale è stato indetto questo food contest.



Obiettivo di questo contest:



Favorire un’alimentazione sana non “medicalizzata” in cui il rigore scientifico e la correttezza metodologica incontrano il gusto ed il piacere della buona tavola, la ricerca dell’equilibrio nutrizionale, la creatività e la sperimentazione in cucina.


Non dimentichiamo
 che 
la Dieta Mediterranea, icona del mangiare bene e sano, nel 2010 è stata riconosciuta patrimonio orale e immateriale dell’UNESCO.



























Ingredienti per 4 persone: 

350 g di paccheri

2 filetti di scorfano già puliti

3 cucchiai di olio extravergine d'oliva

1 spicchio d'aglio

4 pomodorini 

1 zucchina 

sale q.b.


Preparazione del sugo

Lavare i pomodorini e schiacciarli per eliminare velocemente i semini.

Lavare la zucchina e tagliarla a julienne.

Sbucciare l'aglio.

In una padella antiaderente mettere l'olio extravergine d'oliva e lo spicchio d'aglio sbucciato.

Non appena l'olio è caldo aggiungere  la zucchina a julienne e lasciare rosolare, poi aggiungere pomodorini e coprire fino a che si saranno ammorbiditi.

Aggiungere i filetti di scorfano e cuocere altri 10 minuti a fuoco medio e sempre coperto, rompiamo i filetti quando sono cotti così si distribuiscono meglio nel sugo.

Salare e spegnere.

Cuocere la pasta 

Mettere sul fuoco la quantità di acqua necessaria per cuocere i paccheri, salarla e quando arriva a bollore calare la pasta cuocendola secondo le indicazioni che riporta la confezione, i paccheri in genere cuociono in almeno 13 / 15 minuti.

Condimento e impiattamento

Gli ultimi 5 minuti di cottura della pasta (conviene sempre usare un timer), accendere il fornello sotto il sugo se era stato spento, e  se il sugo risulta asciutto aggiungere un pò dell'acqua di cottura della pasta.

Assaggiare la pasta per capire se è cotta al punto giusto (al dente) o deve cuocere qualche altro minuto, poi alzarla dall'acqua di cottura o scolarla, secondo come siamo abituati.
L'importante è, che se si sceglie di scolarla bisogna ricordarsi di raccogliere un pò dell'acqua in modo da poterla utilizzare quando saltiamo la pasta nel sugo, se dovesse risultare troppo asciutto.

Quindi unire pasta al sugo nella padella alzare la fiamma e saltare. Quando vediamo che è stata avvolta dal sughetto spegniamo.

E .......  Buon Assaggio!!!














Commenti

Post popolari in questo blog

MELANZANE E ZUCCHINE IN PADELLA

Un contorno veloce saporito e soprattutto non fritto, con fresche verdure di stagione.

Ingredienti:
2 melanzane
2 zucchine
3 pomodori con la pelle in barattolo
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
aglio 
origano
sale q.b.
In una padella della grandezza adeguata tagliare a cubetti le melanzane e le zucchine, aggiungere lo spicchio d'aglio e l'olio.

Coprire e mettere su fuoco medio, lasciare cuocere e girare ogni tanto, in circa 20 minuti le verdure saranno  cotte e rosolate, su un lato aggiungere i pomodori e lasciarli cuocere pochi minuti poi mischiare il tutto, aggiungere sale e origano, fare insaporire e spegnere.

Servire caldi o freddi, l'importante e non mettere più col coperchio.

PARMIGIANA DI MELANZANE AL FORNO MONOPORZIONE

Parmigiana al forno
La bontà di un'ottima parmigiana di melanzane cotta al forno in contenitori monoporzione


Per un pranzo o una cena farete davvero un figurone, presentando una bella parmigiana monoporzione, darà un tocco di raffinatezza ed eleganza al menù.
Sarebbe l'ideale inserirla in uno dei menù delle festività visto che ormai siamo vicini. Natale è alle porte quindi bisogna programmare e organizzare tutto nei particolari.

Per dare rendere questa parmigiana monoporzione ancora più gustosa al palato e più bella nella composizione del piatto ho aggiunto delle scaglie di Parmigiano Reggiano Campirossi realizzate direttamente sulla portata con le pratiche grattugie realizzate dalla Dalter, vi consiglio di provarle, una vera comodità in cucina.

FIORI DI ZUCCA IN PADELLA

Fiori di zucca: colorati, gustosi e profumati. Una delle ricette preferite della  mia mamma con i fiori di zucca. Un sapore che non ci si aspetterebbe da un semplice fiore, che davvero ci conquista! 

BAIOCCHI CAKE

La mia Baiocchi CakeUn sogno che diventa assaggioDa mesi in casa aleggiava il desiderio di assaggiare questa torta che, non so il perchè, tra i giovani che spesso mi gironzolano intorno, era come un sogno da far diventare realtà.
Il sogno si è  materializzato dopo che mia  nipote, con la sua espressione felice e il suo dolce sorriso  mi chiede di prepararle il dolce per il suo onomastico.
"Una torta speciale che non abbiamo ancora assaggiato zia!" e arriva la richiesta tanto attesa : la torta baiocchi.
Prima di tutto ero curiosa di scoprire da cosa derivava questo nome così particolare per un biscotto, così ho cercato le informazioni sul nome di questo "prezioso" biscotto.
Mi sarei aspettata un particolare "dolce" antenato e invece con grande sorpresa ho scoperto che il Baiocco è una moneta esistita fino alla seconda metà del 1800, un soldo di argento che con l'aumentare del  valore dell'argento diveniva sempre più piccolo nel suo diametro e nello spe…

PETTOLE E FAGIOLI

Una pasta semplice ma tanto amata: le pettole
Questa ricetta mi riporta in mente tanti piacevoli ricordi che riguardano la mia mamma, che adorava preparare la pasta fatta a mano e invitava sempre parenti e amici per mangiarla insieme. Ogni volta che la preparo è come se lei fosse vicino a me per farla insieme come facevamo sempre!!
Bello cimentarsi e poi essere soddisfatti quando i commensali apprezzano quanto si è preparato.
Perchè non provate anche voi? Fatemi sapere com'è andata, inviatemi foto o commenti sarò felice di pubblicarli per voi !!

CAROTE IN PADELLA CON ALLORO

Un profumato contorno con le carote Spesso con la scusa non c'è tempo ripieghiamo su un contorno veloce come un'insalata, ma non pensiamo che anche con la fretta che ci accompagna costantemente possiamo mangiare dei gustosissimi piatti, salutari e senza impazzire vicino ai fornelli. Per cucinare queste carote, vi assicuro deliziose, basta dedicarci pochissimo tempo, quello necessario per metterle in padella e poi possiamo continuare a fare altro o cucinare un primo veloce e senza accorgercene sono già pronte. E .... non dimentichiamo che la carota è ricca di vitamina A (Betacarotene), B, C, PP, D e E, nonché di sali minerali e zuccheri semplici come il glucosio. Per questo motivo il suo consumo favorisce un aumento delle difese dell'organismo contro le malattie infettive


CREMA PASTICCERA CON IL LATTE DI SOIA

Crema alla vanigliaLa crema pasticcera è una della creme più usate in pasticceria, anche se quando ero piccola la mia mamma a volte la preparava a colazione, da accompagnare con i biscotti o semplicemente da mangiare con il cucchiaio.

Questa è una mia versione col latte di soia, deliziosa comunque, ma utile anche alle persone intolleranti al lattosio  e golose di crema pasticcera. Con questa facile ricetta possono gustarla senza problemi.
Ovviamente è una normale crema, ottima per farcire un dolce, dei  bignè, una crostata, una millefoglie, basta seguire la fantasia e si trovano mille altri impieghi.
Non nascondo che a me piace sempre gustarla anche al cucchiaio, come  la serviva la mia mamma; sicuramente in base all'uso che ne vogliamo fare cercheremo di dare una diversa consistenza, aumentando o diminuendo la quantità di amido di mais che aggiungiamo; poi possiamo cambiarne il gusto, dunque al posto della vaniglia aggiungiamo l'aroma che più ci piace o  che meglio si abbina al …

CIAMBELLONE ALLO YOGURT -FRUTTI DI BOSCO-

Veloce da realizzare, con pochi ingredienti e soprattutto sporcando solo il contenitore del robot.
Molto morbido, è ottimo per colazione o merenda accompagnato da un succo o da un bicchiere di latte, i miei lo hanno mangiato nelle giornate di caldo spalmandoci sopra della fresca crema al mascarpone o del gelato alla frutta.
Vi assicuro che dopo il primo giro di  assaggi  è finito!


Ingredienti:
250 g di farina
190 g di zucchero
150 g di yogurt ai frutti di bosco
3 uova
45 g di olio di arachidi
1 bustina di lievito

Montare le uova con lo zucchero, fino a che diventano gonfie e spumose, poi aggiungere lo yogurt, l'olio ed infine la farina setacciata insieme al lievito.
Preriscaldare il forno a 180° C e cuocere per 40 minuti. Regolarsi sempre in base al proprio forno e fare la prova dello stecchino prima di sfornare.

LE MIE POLPETTE

Sembra semplice fare delle polpette, beh! per me non lo è stato, dopo anni di tentativi, sono riuscita a fare delle polpette che adesso i miei adorano. Prima erano buone solo quelle della nonna, e nonostante seguissi tutte le sue indicazioni le mie non erano buone. Finalmente tentando e ritentando ecco le "mie polpette".



Ingredienti: per le polpette 500-600 g di carne macinata mista (manzo, suino) 2 uova sale q.b. mezzo spicchio di aglio sminuzzato 4 cucchiai di formaggio grattugiato un cucchiaio di prezzemolo 15 fette biscottate 1 bicchiere di latte pane grattugiato q.b. per il sugo 1 confezione di polpa di pomodoro di circa 400g 2 cucchiai di olio di oliva extravergine 1 spicchio di aglio sale q.b.

Iniziare sminuzzando con le mani le fette biscottate in una scodella e bagnandole con il latte. In un'altra scodella mettere la carne macinata, il sale, il formaggio, l'aglio, il prezzemolo, le uova  e, quando sono belle morbide, le fette biscottate. Impastare e rendersi …

RISO E CAVOLO CAPPUCCIO

" Ris e cappucc" Questa è una delle ricette che mi portano indietro nel tempo. Che bello ricordare quando la mia mamma lo preparava per me e prima di lei la mia nonna.  Non era allora una delle mie ricette preferite, ma come per tutti, i gusti cambiano e ora la mangio molto volentieri; nelle giornate fredde, è un vero toccasana per riscaldarsi.   In casa piace a tutti, e diciamo anche che è una ricetta molto salutare visto che c'è solo riso e dell'ottimo cavolo cappuccio stufato.
Il cavolo cappuccio è una varietà di cavolo, è caratterizzato dall'avere le foglie esterne lisce, concave e serrate, che racchiudono le foglie più giovani in modo da formare una palla compatta detta "testa" o "cappuccio". La verza, altra varietà di cavolo a differenza di quello cappuccio presenta foglie grinzose, increspate e con nervature prominenti.  Infatti la ricetta della mia nonna diventava "virz e ris", ottime entrambe.