Passa ai contenuti principali

LA RICETTA PIU' CLICCATA

BABA' AL RUM

Che buono ....."stu babà" Una delle meraviglie della pasticceria napoletana!! Ecco il Babà, gli ingredienti da utilizzare li troviamo già disponibili, quasi tutti, nella nostra dispensa.  
Il procedimento è un po' lungo ma non eccessivamente elaborato, visto che si tratta di un impasto lievitato e bagnato con il Rum
Una volta tolto dal forno, l'impasto viene bagnato e la sua colorazione, più o meno giallastra, raggiunge una tonalità calda ambrata e allo stesso tempo un profumo inebriante si diffonde in cucina. 
Difficile resistere alla tentazione e aspettare che si raffreddi.
È fondamentale usare la farina giusta per l'impasto e il vero Rum per la bagna. 
Ci sono in commercio dei prodotti già pronti, utilizzabili se non abbiamo a disposizione il Rum. 
Anni fa, almeno dieci, trovai questa ricetta su un quotidiano e decisi di realizzarla, visto che le precedenti che avevo provato non mi avevano soddisfatto. Devo dire che questa versione mi ha convinta ed eccovela qui.




























CURIOSANDO ....... IN GIRO PER IL MONDO

Un sogno che si avvera



Cari amici ed amiche che da tempo seguite il mio Blog Passioni & Curiosità,


voglio innanzitutto scusarmi per la prolungata assenza, mi è costato parecchio, dopo ormai diversi anni di pubblicazioni abbastanza frequenti, lasciare tutto per un così lungo periodo.

Posso assicurarvi che non si è affievolita in me la voglia di preparare e condividere con voi tutti, le mie ricette, o le mie avventure con Curiosando....

Grazie all'avverarsi di un sogno, in pochi mesi, mi ritrovo catapultata dall'altra parte del mondo, rivoluzionando totalmente la mia vita.

Tutta la mia famiglia (siamo quattro persone unite e affiatate) ha deciso di intraprendere questo progetto che costa sacrifici e rinunce, ma tutti ne siamo consapevoli e ben disposti.

La vita è una e bisogna viverla fino in fondo, senza rinunce se si vuole realizzare il sogno.

Comunque non voglio annoiarvi con la mia storia personale, ma solo sfruttare la mia avventura per mostrarvi dei luoghi che, non tutti avete avuto modo di conoscere, e raccontarvi tradizioni e curiosità che via via sto scoprendo.


Ecco, vi racconto un po' le tappe che mi hanno portata dove sono.

Nei primi giorni di novembre parto dalla mia adorata Casagiove e atterro come primo scalo a Roma. Confesso che non ho intrapreso tanti viaggi così lunghi prima di adesso, per questo sono molto incuriosita da tutto ciò che incontro. Continuamente osservo, e vado alla ricerca di particolari per me interessanti.






Passeggio nella zona degli scali internazionali, ne ammiro l’innovativa e grandiosa struttura. Nonostante la maestosità ho trovato molto semplice e intuitiva tutta la dislocazione dei vari servizi. Anche chi non ha mai viaggiato può facilmente orientarsi.

Poi dò un’occhiata alle vetrine dei negozi, e faccio un giro tra i diversi bar e ristoranti.



All’improvviso, un pianoforte suona un classico che mi fa sentire a casa, come quando nell’altra stanza c’è mia figlia che suona il pianoforte e io estasiata ascolto.

Intuisco che non è una musica trasmessa, ma è suonata dal vivo, salgo al piano superiore, completamente rapita e felice di capire da dove arriva.

Mi ritrovo davanti a uno dei bar, in uno spazio circondato da tavolini dove c’è un bellissimo pianoforte a coda e un giovane che lo suona divinamente.


Proseguo il mio viaggio appena iniziato, cerco il mio gate e mi imbarco a Roma per affrontare un volo di tredici ore, durante il quale tra un sonnellino e l’altro ho avuto modo di riflettere su tante cose, ho mangiato spesso, e ho cercato di vedere qualche film; questa è la cosa che mi è riuscita di meno, mi concilia troppo il sonno.



Atterro a Los Angeles, il mio secondo scalo prima di arrivare alla destinazione finale.

Passo per il controllo passaporti e bagagli e proseguo alla ricerca del Terminal dove è dislocato il gate per la mia successiva partenza.

Scopro che per arrivare al gate devo prendere una navetta, ma ho ancora molto tempo a disposizione, quindi mi rilasso un po' prima di ricominciare a curiosare in giro.



Negozi e ristoranti, anche qui per tutti i gusti.

Un languorino comincio a sentirlo così mentre ammiro delle vetrine con profumi e accessori bellissimi vedo riflessa un’insegna che mi riporta a casa, come la musica all’aeroporto di Roma.
Mi giro, e vedo che l’intuizione era giusta, un angolino d’Italia l’ho trovato anche qui, all’aeroporto di Los Angeles.




Ho mangiato la ciabatta con il pollo e devo dire che era davvero buona, calda e croccante.

Anche se non ho trovato, come mi sarei aspettata, la signora italiana che me la preparava. Beh! Dopo tutto sono in America, non posso trovare italiani in ogni angolo.




Dopo un’ultima occhiata in giro, e lo stomaco soddisfatto della squisita ciabatta, mi incammino per prendere la navetta.

Una simpatica autista mi ha accolto sul piccolo bus, che un secondo prima era deserto e venti secondi dopo si è riempito.

Ultimo imbarco per la destinazione finale.

Al decollo ho provato un’emozione che voglio raccontarvi. Appena l’aereo si è alzato e ha cominciato a virare per lasciare Los Angeles, essendo buio si vedono solo le luci della città.

Queste luci essendo tante e vicine, le ho percepite come tante gemme e pietre preziose che luccicano. Non so se riesco a trasmettere attraverso queste poche righe la mia emozione, ma vederlo dal vivo è stato bellissimo.

Dopo un paio di ore di volo e un altro bel pisolino, sono atterrata a Boise. La mia destinazione finale, la capitale dell’ Idaho.

Mi dispiace di non aver fatto foto, ma dopo circa ventiquattro ore di viaggio e l’attesa di incontrare mio marito, non ci ho pensato.

Ora vi lascio con la curiosità di scoprire come sta proseguendo questa mia avventura, promettendo di pubblicare a breve delle belle foto del posto in cui vivo e delle belle cose che preparo, si è proprio vero sto preparando dei dolci buonissimi mai assaggiati prima e………..

Post popolari in questo blog

MELANZANE E ZUCCHINE IN PADELLA

Un contorno veloce saporito e soprattutto non fritto, con fresche verdure di stagione.

Ingredienti:
2 melanzane
2 zucchine
3 pomodori con la pelle in barattolo
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
aglio 
origano
sale q.b.
In una padella della grandezza adeguata tagliare a cubetti le melanzane e le zucchine, aggiungere lo spicchio d'aglio e l'olio.

Coprire e mettere su fuoco medio, lasciare cuocere e girare ogni tanto, in circa 20 minuti le verdure saranno  cotte e rosolate, su un lato aggiungere i pomodori e lasciarli cuocere pochi minuti poi mischiare il tutto, aggiungere sale e origano, fare insaporire e spegnere.

Servire caldi o freddi, l'importante e non mettere più col coperchio.

CAROTE IN PADELLA CON ALLORO

Un profumato contorno con le carote Spesso con la scusa non c'è tempo ripieghiamo su un contorno veloce come un'insalata, ma non pensiamo che anche con la fretta che ci accompagna costantemente possiamo mangiare dei gustosissimi piatti, salutari e senza impazzire vicino ai fornelli. Per cucinare queste carote, vi assicuro deliziose, basta dedicarci pochissimo tempo, quello necessario per metterle in padella e poi possiamo continuare a fare altro o cucinare un primo veloce e senza accorgercene sono già pronte. E .... non dimentichiamo che la carota è ricca di vitamina A (Betacarotene), B, C, PP, D e E, nonché di sali minerali e zuccheri semplici come il glucosio. Per questo motivo il suo consumo favorisce un aumento delle difese dell'organismo contro le malattie infettive


BAIOCCHI CAKE

La mia Baiocchi CakeUn sogno che diventa assaggioDa mesi in casa aleggiava il desiderio di assaggiare questa torta che, non so il perchè, tra i giovani che spesso mi gironzolano intorno, era come un sogno da far diventare realtà.
Il sogno si è  materializzato dopo che mia  nipote, con la sua espressione felice e il suo dolce sorriso  mi chiede di prepararle il dolce per il suo onomastico.
"Una torta speciale che non abbiamo ancora assaggiato zia!" e arriva la richiesta tanto attesa : la torta baiocchi.
Prima di tutto ero curiosa di scoprire da cosa derivava questo nome così particolare per un biscotto, così ho cercato le informazioni sul nome di questo "prezioso" biscotto.
Mi sarei aspettata un particolare "dolce" antenato e invece con grande sorpresa ho scoperto che il Baiocco è una moneta esistita fino alla seconda metà del 1800, un soldo di argento che con l'aumentare del  valore dell'argento diveniva sempre più piccolo nel suo diametro e nello spe…