Passa ai contenuti principali

LA RICETTA PIU' CLICCATA

BABA' AL RUM

Che buono ....."stu babà" Una delle meraviglie della pasticceria napoletana!! Ecco il Babà, gli ingredienti da utilizzare li troviamo già disponibili, quasi tutti, nella nostra dispensa.  
Il procedimento è un po' lungo ma non eccessivamente elaborato, visto che si tratta di un impasto lievitato e bagnato con il Rum
Una volta tolto dal forno, l'impasto viene bagnato e la sua colorazione, più o meno giallastra, raggiunge una tonalità calda ambrata e allo stesso tempo un profumo inebriante si diffonde in cucina. 
Difficile resistere alla tentazione e aspettare che si raffreddi.
È fondamentale usare la farina giusta per l'impasto e il vero Rum per la bagna. 
Ci sono in commercio dei prodotti già pronti, utilizzabili se non abbiamo a disposizione il Rum. 
Anni fa, almeno dieci, trovai questa ricetta su un quotidiano e decisi di realizzarla, visto che le precedenti che avevo provato non mi avevano soddisfatto. Devo dire che questa versione mi ha convinta ed eccovela qui.




























PEPERONCINI E POMODORINI IN PADELLA

Peperoni o peperoncini in padella

Ecco un'altra delle ricette preferite delle mia mamma. 


I peperoni verdi piccoli molto comuni, diffusissimi in Campania ma difficili da  trovare nelle altre regioni, per questo vi invito ad assaggiarli se vi trovate a passare in Campania nei vostri viaggi di piacere o di affari.





























 I peperoni verdi piccoli fatti padella con i pomodorini, fanno parte secondo me di quei piatti semplici della tradizione popolare che non vanno dimenticati, ma riproposti.


La mia mamma li chiamava "i puparulill" e oltre a cucinarli in un modo divino , adorava  gustarli in modo altrettanto particolare e poco conosciuto.



Non potrò mai dimenticare quei momenti in cui godevamo della nostra reciproca compagnia, e durante i quali lei mi raccontava della sua gioventù.


Quando  era ragazza aiutava la famiglia  a coltivare la terra, ma con la gioia negli occhi descriveva   come  magico il momento del mangiare, perchè tutti insieme si tornava dai campi  e si preparava con quello che c'era in casa dei piatti semplici, che tutti mangiavano con piacere, gli stessi piatti  che oggi stiamo cercando di riscoprire e riproporre come qualcosa di prezioso e ricercato.





Questi peperoni verdi piccoli, lei mi spiegava che dovevano essere raccolti piccoli, perchè più teneri e con pochi semi, a differenza di quelli che spesso  troviamo in giro sui banchi che sono enormi, lunghi e pieni di semini.  

Inutile dire che lei li coltivava personalmente nel nostro giardino, purtroppo la bontà sotto casa è un lusso che pochi possono permettersi.


Lei li mangiava come pasto principale quando dopo una giornata di lavoro in campagna tornava a casa e la mamma o lei stessa li cucinava appena raccolti.

Il profumo dei peperoni che friggevano si diffondeva nell'aria mentre in giro qualcuno lavava i pomodori e qualche altro preparava la tavola per gustare dopo una giornata di duro lavoro nei campi un piatto così profumato e appetitoso.

Una volta fritti i peperoni si passava ad appassire i pomodori con aglio olio e basilico fresco, dopo si riuniva il tutto per avere un piatto che come diceva mamma poteva andare davanti al re.

Lei li preferiva mangiare nel " cuzztiello", ovvero un "angolo" tagliato dalla ruota di pane fatto in casa nel forno a legna, immaginate una mezza luna, da questo "angolo" con tanta maestria lei estraeva  la mollica per poi  riempire  il vuoto ottenuto con i "puparulill appena pronti.   Poi rimetteva il coperchio di mollica e lo gustava.

In tutto questo io che ascoltavo ero già lì che tenevo a bada il mio stomaco brontolone e l'acquolina che mi costringeva a chiudere la bocca per non sbavare.

Lei li preparava sempre per noi ed erano insuperabili, forse perchè conditi con i suoi ingredienti segreti: l'amore infinito per noi e la passione per il suo orticello.







Ingredienti per 4 persone:


500 g di peperoncini verdi


300 g di pomodorini

1 rametto di basilico

1 spicchio di aglio 


sale

6 cucchiai di olio extravergine d'oliva



Preparazione dei peperoncini verdi


Lavare i peperoncini verdi, privarli del picciolo e dei semini e asciugarli.



In una capiente padella versare quattro cucchiai di olio extravergine e prima che sia bollente aggiungere i peperoni per friggerli.



Cuocere per 10 minuti coprendo la pentola con un coperchio.

Girare spesso i peperoni per evitare che brucino e, appena pronti sollevare i peperoncini con una schiumaiola  mettendoli da parte.



Preparazione del sughetto 

Lavare e schiacciare  i pomodorini così da liberarli dai semini e aggiungerli all'olio che intanto abbiamo messo a scaldare insieme all'aglio nella stessa padella   in cui abbiamo  cotto i peperoncini. 


Salare e cuocere per 5 minuti. Controlliamo che si schiacciano facilmente.


Preparazione del piatto finale 

Aggiungere ora al sughetto ottenuto i peperoncini verdi fritti in precedenza.

Mescolare delicatamente, aggiungere il basilico e far cuocere ancora qualche minuto. Per fare in modo che amalgamandosi, il sapore dolce dei pomodorini avvolga quello amarognolo dei peperoni.

Spegnere e servire i peperoncini verdi fritti in padella aggiungendo altro basilico a crudo.


Buon Assaggio !!!

Post popolari in questo blog

MELANZANE E ZUCCHINE IN PADELLA

Un contorno veloce saporito e soprattutto non fritto, con fresche verdure di stagione.

Ingredienti:
2 melanzane
2 zucchine
3 pomodori con la pelle in barattolo
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
aglio 
origano
sale q.b.
In una padella della grandezza adeguata tagliare a cubetti le melanzane e le zucchine, aggiungere lo spicchio d'aglio e l'olio.

Coprire e mettere su fuoco medio, lasciare cuocere e girare ogni tanto, in circa 20 minuti le verdure saranno  cotte e rosolate, su un lato aggiungere i pomodori e lasciarli cuocere pochi minuti poi mischiare il tutto, aggiungere sale e origano, fare insaporire e spegnere.

Servire caldi o freddi, l'importante e non mettere più col coperchio.

CAROTE IN PADELLA CON ALLORO

Un profumato contorno con le carote Spesso con la scusa non c'è tempo ripieghiamo su un contorno veloce come un'insalata, ma non pensiamo che anche con la fretta che ci accompagna costantemente possiamo mangiare dei gustosissimi piatti, salutari e senza impazzire vicino ai fornelli. Per cucinare queste carote, vi assicuro deliziose, basta dedicarci pochissimo tempo, quello necessario per metterle in padella e poi possiamo continuare a fare altro o cucinare un primo veloce e senza accorgercene sono già pronte. E .... non dimentichiamo che la carota è ricca di vitamina A (Betacarotene), B, C, PP, D e E, nonché di sali minerali e zuccheri semplici come il glucosio. Per questo motivo il suo consumo favorisce un aumento delle difese dell'organismo contro le malattie infettive


BAIOCCHI CAKE

La mia Baiocchi CakeUn sogno che diventa assaggioDa mesi in casa aleggiava il desiderio di assaggiare questa torta che, non so il perchè, tra i giovani che spesso mi gironzolano intorno, era come un sogno da far diventare realtà.
Il sogno si è  materializzato dopo che mia  nipote, con la sua espressione felice e il suo dolce sorriso  mi chiede di prepararle il dolce per il suo onomastico.
"Una torta speciale che non abbiamo ancora assaggiato zia!" e arriva la richiesta tanto attesa : la torta baiocchi.
Prima di tutto ero curiosa di scoprire da cosa derivava questo nome così particolare per un biscotto, così ho cercato le informazioni sul nome di questo "prezioso" biscotto.
Mi sarei aspettata un particolare "dolce" antenato e invece con grande sorpresa ho scoperto che il Baiocco è una moneta esistita fino alla seconda metà del 1800, un soldo di argento che con l'aumentare del  valore dell'argento diveniva sempre più piccolo nel suo diametro e nello spe…